lunedì 29 settembre 2014

I disegni di Louise

I disegni di Louise Bourgeois, o meglio, le opere grafiche sono una straordinaria scoperta.
Meno note delle surreali e spettacolari opere scultoree, incisioni, serigrafie, inchiostri, acquarelli e disegni aprono alla possibilità di entrare nella poetica dell'artista.
Intimi, come solo i disegni sanno essere, ci conducono in punta di piedi verso una grande "scatola dei segreti" verso la quale ci sentiamo attratti e discreti allo stesso tempo.
La mostra Louise Bourgeois: works on paper curata da Ann Coxon alla Tate Modern (Londra) fino al 12 aprile 2015 esibisce gran parte di queste opere grafiche.

 
 La mostra è una di quelle mostre un po' nascoste, ma che si fanno ricordare. Varcato l'ingresso il percorso espositivo scopre le opere in un susseguirsi di segni e parole. L'uso della parola, del testo è infatti ricorrente in molte opere singole o appartenenti al genere dei portfoli o dei libri illustrati.
Dei libri illustrati realizzati da Louise Bourgeois scriveremo in un prossimo post.
 
 
 
 
 Impossibile dire quali tra le opere assume più valore: tutte concorrono alla creazione della scoperta  dell' essenza dell'artista.
In questo link  la mostra ospitata a Londra e qui  
Louise Bourgeois: The Complete Prints & Books, sito curato dal MoMa.
 
 
 
 

lunedì 22 settembre 2014

1 bambino, 1 libro





In Francia esiste da quattro anni il progetto "Premières Pages" istituito dal Ministero della Cultura e della Comunicazione e presente in 7 Dipartimenti : Ain, Lot, Puy-de-Dôme, Pyrénées-Orientales, Réunion, Savoie, Seine et Marne.
L'idea è  semplice e come tutte le cose semplici geniale: ogni  bambino nato o adottato in uno di questi Dipartimenti riceve in dono un libro illustrato. La media annua è di 60.000 nascite, 20.000 solo nel Dipartimento di Seine et Marne.
Sul concetto di dono si basa tutta l'iniziativa e le conseguenti attività territoriali che in questo modo promuovono la diffusione della lettura ( prima si inizia e meglio è) e allo stesso tempo favoriscono l'integrazione  del bambino  e della sua famiglia nella comunità.  Alcuni di questi Dipartimenti sono decisamente multietnici.
Premières Pages è semplice ed acessibile, la famiglia infatti non deve fare nulla, nessuna iscrizione on line, nessuna iscrizione a pagamento. Alla nascita infatti il bambino riceve il prezioso regalo e per i genitori è stata pensata una piccola guida, illustrata anch'essa, per aiutarli a leggere ai loro bambini in maniera adeguata.
La selezione del libro avviene annualmente dopo aver visionato le proposte degli editori.

Questo il libro donato nel 2012
Ilya Green, Mon arbre, Didier Jeunesse

 
Per approfondire clicca qui
Premières Pages si diffonde sui vari territori attraverso le biblioteche e mediateche e le loro innumerevoli iniziative di promozione alla lettura, sensibilizzazione e formazione di familiari e insegnanti. Gli enti territoriali infatti, per rientrare all'interno del circuito si impegnano a costruire incontri di lettura, conferenze e attività di sostegno per i genitori. Inoltre ogni biblioteca pubblica una selezione di libri per i più piccoli a supporto di quella redatta dal Centre national de la littérature pour la jeunesse "La Joie par les livres".

In questo link trovate il sito della Mediateca del Dipartimento Siene et Marne e qui trovate BebèButine: bibliografia proposta dalla Mediateca.

In Francia di Premières Pages si sente parlare spesso e anche in Italia il progetto è ormai conosciuto. Qui gli atti del convegno Bambini, adolescenti e il valore del libro, Roma 2008 dove Marzia Corraini si riferisce proprio
all' iniziativa francese.